Seminario - Mercoledì 15 maggio 2024

Tracciabilità: oggi e domani tra registri, formulari e RENTRI

Le regole fondamentali e gli ultimi decreti direttoriali

Da giovedì 15 giugno 2023 è in vigore il nuovo regolamento sul RENTRI (Dm 59/2023).


Con il nuovo decreto cambiano aspetto e contenuti i Formulari e il Registro di Carico e Scarico (e in prospettiva il MUD) ma gli interrogativi sono ovviamente moltissimi, mentre ancora brucia a tutti il ricordo del Sistri.


Il Decreto Direttoriale n. 251 del 19 dicembre 2023 contiene le:

- Istruzioni per la compilazione del registro cronologico di carico e scarico rifiuti;

- Istruzioni per la compilazione del formulario di identificazione del rifiuto.

Ma fino al 13 febbraio 2025 occorre non dimenticare le regole auree della tracciabilità attuale e fare i conti con i “vecchi” modelli di registro e formulario.

 

I punti chiave

Senza dimenticare il presente (sempre insidioso) e in attesa degli ulteriori decreti direttoriali sul RENTRI, i punti trattati dal seminario sono i seguenti:


• chi si deve iscrivere e quando (puntuale esame del decreto direttoriale del 21 settembre 2023 che chiarisce gli intervalli temporali di adesione dei vari soggetti obbligati);

• l’adozione del nuovo registro cronologico in formato digitale e cartaceo (il decreto direttoriale del 21 settembre 2023 definisce esattamente per le varie categorie di soggetti obbligati all’adesione i termini di adozione del nuovo registro cronologico sia in formato cartaceo che digitale);

• il nuovo formulario di identificazione rifiuti (quando diventa obbligatorio in formato cartaceo ma a sola vidimazione virtuale e quando diventa digitale);

• le procedure di iscrizione al RENTRI: come prepararsi, quali valutazioni e analisi effettuare per una corretta iscrizione;

• esame del Decreto Direttoriale 143/2023 che definisce le modalità operative previste dall’articolo 21del Dm 59/2023: modalità operative per assicurare la trasmissione dei dati al RENTRI e il suo funzionamento; istruzioni per l’accesso e l’iscrizione al RENTRI da parte degli operatori; requisiti informatici per garantire l’interoperabilità del registro elettronico nazionale con i sistemi adottati dagli operatori; modalità di funzionamento degli strumenti di supporto e dei servizi messi a disposizione degli operatori.

• esame del Decreto Direttoriale 251/2023 recante le istruzioni per la compilazione dei futuri registri e formulari.

 

Il Seminario vi dirà queste cose, con la consueta chiarezza ed esaustività, aiutandovi a non sbagliare in ordine agli argomenti indicati, già disciplinati dal "Codice ambientale" e dal Dm 59/2023.

 

Chi deve conoscere come funziona la tracciabilità in Italia? 

Tutti coloro che producono rifiuti e coloro che si occupano di gestirli, tanto nella Pubblica Amministrazione che nelle aziende private: responsabili tecnici, operatori del Diritto, ingegneri, geologi, chimici, autorità di controllo e consulenti. E giovani laureati interessati ai meccanismi della economia circolare.

Mercoledì 15 maggio 2024

 

Daniele Bagon (ore 10:00-14:00)

 

RENTRI: chi lo deve usare e chi lo può usare

- quadro normativo di riferimento

- soggetti obbligati

- zone d’ombra e come possono essere risolte

 

RENTRI: come e quando iscriversi

- il sistema per l’iscrizione

- il versamento dei contributi e dei diritti di segreteria: quanto costa e come pagare 

 

RENTRI: il nuovo formulario 

- per chi resta cartaceo e per chi digitale

- la struttura

- come usarlo: imputazione dei dati e loro trasmissione 

 

RENTRI: il nuovo registro cronologico carico/scarico

- la struttura

- come usarlo: imputazione dei dati e loro trasmissione 

 

RENTRI: la filiera

- il produttore

- il trasportatore

- il destinatario

- l’intermediario 

 

RENTRI: la sperimentazione

- come è stata predisposta

- cosa manca 


Ampio spazio sarà lasciato ai quesiti, esclusivamente relativi al RENTRI. I quesiti relativi ad altri temi della gestione dei rifiuti non troveranno risposta.

Relatori

Daniele Bagon
(Segretario Albo nazionale gestori ambientali – Sezione regionale Liguria)

Iscrizione

Quota di adesione

euro 280,00 + IVA euro 61,60
totale euro 341,60

La quota comprende: materiale di supporto, attestato di partecipazione

Sconti

è previsto uno sconto per:
  • abbonati alla rivista “Rifiuti - Bollettino di informazione normativa”
  • abbonati al servizio “Rifiuti on-line”
  • abbonati al servizio “Osservatorio di normativa ambientale”
Sconto abbonato: € 252,00 + IVA

è previsto uno sconto per iscrizioni multiple
Iscrizioni multiple: € 252,00 + IVA (cad.)

I prossimi appuntamenti

Martedì 14 maggio 2024
Classificazione rifiuti: Linee guida Snpa 105/2021 e Nota Mite 128108/2022


Mappa tracciabilità rifiuti 

Un'area dedicata alla disciplina giuridica sul monitoraggio dei rifiuti costantemente aggiornata all'ultima normativa di riferimento e all'afferente documentazione

VAI ALL'AREA


Gestire i rifiuti tra legge e tecnica


Scarica la versione digitale gratuita